festung
Kulturno povijesni turizam

Contenuti culturali e storici in un'offerta turistica

Cultura e storia

Etno turizam

Turismo etnografico, alloggio, tradizioni popolari e offerta gastronomica

Turismo etnico

Caccia, pesca, attività acquatiche, ciclismo, sport, escursioni ...

Ricreazione e sport

Eventi culturali e di intrattenimento nella contea

Eventi

Priroda

Siti naturali di bellezza e di escursioni

Natura

LA FORTEZZA BROD

festung konjanik

Situata nel cuore di Slavonski Brod, la Fortezza Brod, registrata come monumento nazionale, rappresenta un monumento imponente di fortificazione militare, unico nel contesto europeo. Mentre le altre fortezze di quel periodo circondavano con le mura gli insediamenti civili, la Fortezza Brod fu costruita esclusivamente per accogliere le guarnigioni (fino a 5000 soldati). Le dimensioni della fortezza di 2 chilometri quadrati superavano di gran lunga la superficie dell'antica città di Brod e, ancora oggi impressionano i visitatori.

La fortezza ha la forma di una stella regolare. Fu costruita in terra battuta, legno, mattoni e in parte pietra. Ha tre cinture difensive e un sistema di fossati. La cintura meridionale è formata da un rivellino a forma speciale, l’hornwerk. La fascia centrale è costituita da quattro bastioni pentagonali collegati da mura - le cortine. All'interno, si trova il cavaliere, una struttura a un piano a forma di ferro di cavallo realizzata in mattoni dove c'erano 108 grandi stanze – le casematte, per l’alloggio del personale, attrezzature e materiale vario. Sulla piazza centrale si trova la chiesa di Sant’Anna, l'unica cappella cattolica ottagonale che fu distrutta ai tempi della Jugoslavia, e poi ricostruita nel XXI secolo secondo i disegni originali dell’architetto Johann Lucas Hildebrand.

La cintura esterna è costituita da rivellini triangolari in terra battuta e mattoni. All'interno della cintura, ad ovest e ad est si trovano i bastioni pentagonali, le ridotte che servivano come feritoie e polveriere.

La costruzione della fortezza è durata a lungo, dal 1715 al 1780, e ha avuto un forte impatto sulla popolazione locale, che assicurava la manodopera, materiale da costruzione e forniva le provviste ai soldati. A causa delle rigide normative che determinavano l'area dei divieti di costruzione, la direzione delle strade e l'altezza degli edifici, la fortezza plasmò notevolmente l'aspetto della città stessa. Ad esempio, in caso di guerra, tutte le case della città dovevano essere distrutte (i proprietari firmavano che l’avrebbero fatto su richiesta dei militari), in modo che il cannone avesse terreno libero per l'azione. Pertanto, la città fu costruita con casette di legno, quindi non abbiamo case in pietra conservate fino alla costruzione del monastero. Sebbene non abbia mai partecipato a operazioni belliche, la fortezza ha svolto un ruolo importante nel mantenimento della pace al confine.

Oggi la fortezza ospita il liceo classico, il municipio, la galleria d'arte, il museo della tamburizza mentre nella piazza centrale si svolgono numerose manifestazioni culturali. È prevista una ricostruzione completa dell’intero complesso della fortezza.